Commedia degli orrori // Quella musica

13 Giugno 2006 4 commenti


-Quella musica la senti solo tu, piccola mia. Balli da sola e il mondo crde che tu sia pazza. Tu la senti sul serio vero?
-Certo che si, tu no? Ma se non la senti come fai a camminare, mangiare, ridere, parlare. Come fai a fare all’amore? Non è vivere!
-Ti inganni, piccola mia, il mondo non è matto…
-Siete tutti incapaci di ascoltare!
-No piccola il mondo ci sente benissimo.
-Il mondo ci sente, si, ma non ascolta.

Commedia degli orrori – Monologo

12 Giugno 2006 3 commenti


” Certo che sono stata a sentire! Cosa credi? Che non abbia più orecchie per ascoltare? Oh le ho, eccome se le ho! E’ solo che mi sono stancata, hai sentito? Mi sono rotta i coglioni di continuare a far finta di niente. Sono stufa marcia di lasciare che tutto mi scivoli addosso come se io non esistessi. Ma, vedi, io esisto. TOCCAMI. Sono qui davanti a te e nelle mie vene scorre sangue rosso come il tuo, anzi, più rosso del tuo, carico di peccato, di male, di tutto il male di questo mondo marcio che mi ride alle spalle. Non ho mai domandato nulla, MAI. Non ho chiesto io di essere toccata, bramata, inseguita, baciata. Non ho mai neppure creduto di esserne degna. Tu hai deciso. Tu hai costruito e distrutto, quasi fossi il padre eterno. Hai guardato, inseguito, catturato, sbranato fino ad arrivare all’osso, ma oltre l’anima non esiste nulla!
Vedi quando prendi qualcosa devi poi restituire. Un pozzo non si alimenta da se, vive di pioggia ed offre da bere. E’ un’eterno deserto.
Capisci? Oltre l’anima non esiste nulla. Sei arrivato la nocciolo.

Non ho più voglia di parlare. Aspetto una telefonata.”

Marta

Ridimensiona

12 Giugno 2006 4 commenti


“Parigi val bene una messa”
Non esiste nulla, oltre la morte, che valga le mie lacrime.

A bientot…

“Moi j’avais une lampe
et toi la lumière
qui a vendu la mèche?”

Ancora di parole

8 Giugno 2006 2 commenti


Io non riesco a farmi capire.
Pongo fra me e ciò che mi circonda un muro di parole che sa sempre più di incomprensione.
Soffro di una malattia incurabile: l’inadeguatezza.

Di parole

8 Giugno 2006 4 commenti


Scrivere …
scrivere di parole …
quando il proliferare dei suoni che nascono dalle mie labbra si scontra con il mutismo dell’anima mia.

Commedia degli orrori

6 Giugno 2006 4 commenti


Ho visto Marta gioire per il suono delle campane la domenica mattina,
vestirsi in fretta per uscire fuori al sole,
scansare panni stesi ad asciugare lungo strade di un paese in festa.
L?ho vista ballare per le strade ed esser presa per matta,
cantare sotto la pioggia senza scarpe né vestiti,
dipingersi gli occhi e le labbra a carnevale,
travestita da puttana.
L?ho vista andare in chiesa per pregare,
chiedere perdono per le omissioni e i sensi di colpa che la notte non la lasciavano dormire,
chiudersi a chiave la notte e fare l?amore da sola.
?Marta non esiste!? diceva la gente mentre lei passava per strada,
avvolta in uno scialle ed il vociare si faceva sempre più fitto.
Ero ancora una bambina ma non me la sono mai scordata
mentre moriva in una notte d?estate
pugnalata a tradimento dalla sua voglia di vivere.

Il gioco dei mimi

6 Giugno 2006 1 commento


E’ un gioco al massacro.

Siamo tutti personaggi in cerca d’autore.

Facce spente, dietro cieli di grate e nuvole di zucchero filato che ti lascia sulla lingua un restrogusto dolce e nauseabondo.

Signori e signore, non spingete!
Siete tutti invitati al gioco dei mimi.
Chi si muove è perduto!

Beato chi….

1 Giugno 2006 3 commenti


Beato chi ha tante di quelle verità in tasca da poter impartire lezioni di vita, di scrittura o quant’altro come se stesse elencando gli ingredienti per una crostata alla marmellata.
Beato chi ritiene di poter stabilire la sincerità e la verità delle parole come se veramente fosse possibile farlo.
Ma sul serio credete nella vita esista esclusivamente il buono o il cattivo?
Siamo una mistura di magia e merda. Nessuno si senta offeso, nessuno si senta escluso.
Pardon

E’ l’ora del silenzio

31 Maggio 2006 3 commenti


Ho bisogno del silenzio per sentire la tua voce.
Dammi pace
Dammi pace
Non ho più voce per pregare. Mi inginocchio e mendico di poter rivedere i tuoi occhi.
Ascolta…

Ostinatamente, mente, mente….

30 Maggio 2006 2 commenti


E sì
lo sai
sì lo sai bene
che quando dice tu,
tu sei la sola,
mente.

E’ vero, solo lui
lui lì davanti che parla e parla
e dice che non è importante
tradire con il corpo
e vuole tu ci creda per davvero
con te lì persa ma ostinata
e sai che mente
e sai che mente
e quando dice
che non esiste nessun’altra
e giura sei tu, sei tu la sola,
mente.

Ma solo se qui
lui sa di tutto e tu non sai di niente
è calmo lui e ti parla
parla del clima
della notte prima
stressante inconcludente
buttata via per nulla
no, non è servita a niente.
Soltanto una riprova
di quanto sia paziente.

E tu gli resti accanto
per niente rassegnata
per non sentirti offesa
dalla paura di non avere niente
così gli stai vicina
vicina, vicina
per quello che ti chiede
l’orgoglio inesistente
e il cuore che ti batte
disordinatamente
ed ostinatamente
mente, mente, mente….

(Mina)